“Ascoltiamo”…gratis! In occasione della presentazione del 28 ottobre a Nidi Di Note (Bologna)

In occasione della presentazione di Ascoltiamo a Bologna, presso la Sala Polivalente del quartiere Savena, Via Faenza, 4 a Bologna, nell’ambito del progetto Nidi Di Note….

….per tutta la giornata di lunedi’ 28 ottobre 2013, la App sarà scaricabile gratuitamente!

Fai girare la notizia: aiuta la cultura dell’ascolto musicale condiviso fra adulti e bambini!

Avverti i tuoi amici insegnanti e genitori!Immagine

Conferenza di presentazione Nidi di Note + Ascoltiamo

Una foto e un link alla pagina FB di Nidi Di Note!

Ieri, 22 ottobre 2013, si è svolta a Bologna, la conferenza stampa per la presentazione del Concerto per Nidi di Note, con Sonia Peana e Paolo Fresu, che si svolgerà il 29 ottobre a Bologna, presso il Teatro dell’Antoniano, e del pomeriggio di presentazione della App Ascoltiamo, a cura di Arnolfo Borsacchi, che si terrà presso i locali del quartiere Savena, a Bologna lunedi 28 ottobre alle 17.00 con ingresso libero.

Interverrà Marta Noè.

Saranno presenti alcuni dei docenti che hanno collaborato alla realizzazione di Ascoltiamo, fra i quali Gaetano Caggiano

Una recensione sulla App Ascoltiamo

Postiamo oggi la recensione di Ascoltiamo inviataci da Marta Noè della Arca College of Music

“Ascoltiamo”, la app per lo sviluppo dell’orecchio musicale di grandi e piccini

Quando sono venuta a conoscenza della app “Ascoltiamo”, ho subito cominciato ad utilizzarla insieme a mia figlia Matilda, di due anni. Sono musicista ed insegnante di musica, sempre alla ricerca di nuovi spunti, e ho trovato in questa app un’innovazione concreta, e non solo parole o teorie, qualcosa da poter sperimentare anche su me stessa. L’innovazione principale di questa app è nell’accurata selezione di brani diversi tra loro per modo e metro: essi vengono poi accostati secondo criteri di varietà e proposti in percorsi.

A mano a mano che la utilizzavamo insieme, sul tappeto al posto di accendere la televisione, ho notato che questo particolare accostamento di brani, selezionati con attenzione, destava in mia figlia un interesse maggiore che i soliti brani di cd e radio, e a poco a poco notavo che anche il mio orecchio cominciava a cambiare.

Soprattutto ho cominciato a notare la maggiore attenzione che il mio orecchio poneva nello studio dello strumento dopo aver ascoltato un percorso intero di “Ascoltiamo” (dopo un po’ ho cominciato ad usare la app da sola, non necessariamente insieme a mia figlia, e nel farlo ascoltavo i brani di un percorso intero nell’ordine proposto): questa cosa mi ha sorpreso parecchio, tanto da spingermi ad utilizzarla attivamente nelle lezioni di ear training con i miei allievi. Proponevo quindi loro la selezione dei brani (la app è comodissima nella ricerca, poiché presenta i titoli dei brani e il collegamento ad itunes e youtube), da ascoltare insieme a lezione o da soli a casa. Ho notato negli allievi una grandissima serietà nel confrontarsi con musica diversa da quella che ascoltano tutti i giorni, e questa cosa non è assolutamente scontata.

“Ascoltiamo” è stata anche un ottimo modo per scoprire musica “nuova”: nuova per me ovviamente, che pur essendo musicista attenta a tutti i generi, ho avuto così modo di affrontare l’ascolto di musica “diversa” da quella che ascolto quotidianamente.

Il repertorio spazia davvero tra tutti gli stili musicali: dal 1300 (John Dunstable Speciosa facta es) alla Jewish Music; Promenade (Mussorgsky); da Danza Negra (Lecuona) alla musica tradizionale giapponese (Kabuki / Yatai Aikata); da Puccini a “Georgia Swing” di Jelly Roll Morton…il repertorio è davvero vasto e completo.

Un altro aspetto che apprezzo di questa app è la voglia di mantenere nell’adulto la figura di guida: non si tratta di mettere qualcosa di tecnologico in mano ad un bambino e lasciare che la app faccia il resto, ma è necessario creare la selezione dei brani prima di poterla utilizzare (la app propone anche sostituzioni di brani sempre secondo criteri di diversità nell’accostamento). L’adulto mantiene così il suo ruolo di guida, e grazie a questa app trova il modo di favorire lo sviluppo dell’orecchio musicale suo e del suo bambino.

Come funziona il tasto “Sostituisci” di Ascoltiamo?

Molte persone ci hanno chiesto come funziona il tasto “Sostituisci” presente dentro la App Ascoltiamo.

Immagine

Per chi non lo sapesse, il tasto Sostituisci serve, una volta creato un percorso, a sostituire un brano con un altro brano che abbia caratteristiche analoghe, nel caso in cui si abbia difficoltà a reperire la musica proposta inizialmente dalla App oppure nel caso in cui riteniamo che il brano non sia adatto alla classe o ai nostri piccoli e grandi “ascoltatori”.

Ma in che modo la App è in grado di sostituire un brano con un altro?

Il segreto sta nel modo in cui è stato creato il database della App:

ogni brano è stato classificato sulla base di variii parametri, modo principale; modo secondario; metro principale; metro secondario; andamento; stile; epoca; strumenti etc.

Quando selezioniamo “Sostituisci”, la App cerca all’interno del database, grazie alla tecnologia sviluppata da IStartApp, un brano che abbia caratteristiche musicali analoghe al brano da sostituire, in modo tale che il principio di varietà e contrasto che regola la creazione dei percorsi continui ad essere rispettato.

Fate delle prove…e poi raccontateci cosa è successo…..potreste avere delle belle sorprese!!

Un altro bambino in ascolto….

….anche se la Tv a volte attira l’attenzione più per le immagini che per il suono, riteniamo che questo video sia comunque una testimonianza interessante della profondità di concentrazione, ascolto e meraviglia di un bimbo piccolo nei confronti dell’esperienza d’ascolto.

Quarteto Gordon - Occasioni d'ascolto per la prima infanzia

Realizzare occasioni di ascolto di musica dal vivo, nella fattispecie dai canto senza parole, per la prima infanzia.

Occasioni d’ascolto condiviso fra bambini e genitori, dal vivo. Primi Concerti, oppure, in portoghese “Primeiros Concertos”.

Questo è il progetto del Quarteto Gordon, quartetto vocale italo-brasiliano che dal 2011, propone, in Brasile e in Italia, occasioni di ascolto condiviso per i piccolissimi (ma grandi ascoltatori!) e i loro genitori.

Del primo lavoro del Quarteto Gordon, il Cd Pam Pam, abbiamo parlato in questo post: https://ascoltiamo.wordpress.com/2013/07/16/piccole-perle-di-canto-senza-parole-da-aggiungere-ai-percorsi-dascolto-di-ascoltiamo/

Il Quarteto Gordon chiede, attraverso un progetto di crowdfunding, un sostegno alle spese di viaggio necessarie per realizzare una minitournée in Italia, tra febbraio e marzo 2014.

Chi fosse interessato a sostenere il progetto, può trovare le informazioni al link
https://www.facebook.com/notes/arnolfo-borsacchi/ci-aiutate-a-promuovere-il-tour-italiano-2014-del-quarteto-gordon-tramite-il-cro/10151910514895676

oppure visitando la pagina Facebook del Quarteto Gordon http://www.facebook.com/quartetogordon

o direttamente il sito del Crowdfunding
http://www.kapipal.com/quartetogordontour2014

Ella Mae, 20 mesi, ascolta e canta in macchina “An American Trilogy” by Elvis Presley

Questo video ha catturato la nostra attenzione: è evidente la familiarità che la bambina ha con il brano, ma non solo: lo sguardo, il modo in cui anticipa, vive, attende i vari momenti del brano sono chiari segnali di una profonda capacità di ascolto insieme a competenze di Audiation in formazione.
Inoltre….
notate l’importanza che riveste, per la bimba, la condivisione dell’ascolto con il papà: lo cerca, lo chiama, gli chiede di tenere l’attenzione, insieme a lei, sul brano. Devono averlo ascoltato molte volte insieme, e il papà avrà condiviso con lei, fin dal primo momento, il suo piacere e le sue emozioni legate all’ascolto…
Buona visione!
ps…lasciate un piccolo commento, se vi va…